Trova la casa dei tuoi sogni con un click

Vuoi vendere o affittare il tuo immobile?


Immobili IN VETRINA

servizi

collaborazioni

news

Tieniti aggiornato con i nostri articoli periodici.


BLOG

IL GLOSSARIO IMMOBILIARE - Agente immobiliare e Agenzia immobiliare

Buon mercoledì a tutti e che Apollo ci assista dopo la giornata uggiosa di ieri! Di che andiamo a parlare oggi ne IL GLOSSARIO IMMOBILIARE? Del significato dei termini AGENTE IMMOBILIARE e AGENZIA IMMOBILIARE. Ah! ma io lo so cos’è l’agente immobiliare: è quel ragazzino in giacca e cravatta che chiama, citofona, tendenzialmente stressa i poveri proprietari di casa per farsi dare incarico e sgraffignarsi un sacco di soldi con la vendita! Beh, diciamo che i grandi franchising hanno dipinto la figura dell’agente in questa maniera e ovviamente, nell’immaginario collettivo, l’agente è questo. Un po’ come l’idea dell’amministratore di condominio truffaldino, dell’impiegato pubblico scansafatiche, ecc. Talvolta si, l’idea rispecchia la realtà, ma la professione oggi sta cambiando, le regole sono sempre più stringenti, la normativa più fitta, la concorrenza spietata. Pertanto, puntare sulla professionalità è l’unica arma che rimane a noi agenti! Molti agenti sono abusivi, ve lo dico chiaro e tondo. Nel senso che, per esercitare la professione, bisogna seguire un corso abilitante presso un ente certificato, sostenere un esame scritto e uno orale presso la Camera di Commercio nella quale si è residenti e aprire la propria posizione imprenditoriale facendosi assegnare un numero REA. Non tanto semplice a dirla tutta. La normativa che disciplina la materia della professione del mediatore, che comprende anche quella degli agenti, è la L. 39/1989 (e successive modificazioni e integrazioni), che ci racconta quali sono i requisiti di base che si debbono possedere, quali:

1)    Essere cittadini italiani o dell’UE e aver raggiunto la maggiore età;

2)    Godere dei diritti civili;

3)    Risiedere nella circoscrizione della Camera di Commercio nel cui ruolo s’intende iscriversi;

4)    Aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado;

5)    Non essere dei criminali!

Il ruolo dei mediatori è stato soppresso, ma tutt’ora sono previste 4 sezioni:

1)    Agenti immobiliari;

2)    Agenti merceologici;

3)    Agenti con mandato a titolo oneroso;

4)    Agenti in servizi vari.

Mi fermo qui perché non vi voglio riportare l’intera Legge che, se vorrete, potrete andarvi a leggere. Se vi interessa parla anche delle sanzioni previste per l’esercizio abusivo della professione.

Ciò detto, l’agente è un MEDIATORE, cioè colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, dipendenza e rappresentanza. Infatti, il mediatore ha l’obbligo di essere imparziale e corretto, nonché di operare con la diligenza del buon padre di famiglia. Egli ha diritto a una provvigione se l’affare è concluso per mezzo del suo intervento.

L’agenzia immobiliare è l’organizzazione che offre il servizio di mediazione e consulenza tecnica agli aspiranti venditori e acquirenti.

E per oggi concludiamo qui! Grazie per la gentile attenzione

0 Commenti

IL GLOSSARIO IMMOBILIARE - Abitazione principale e prima casa

Oggi cercheremo di capire insieme la differenza tra ABITAZIONE PRINCIPALE e PRIMA CASA.

Per ABITAZIONE PRINCIPALE s’intende l’immobile nel quale una persona fisica, la quale la detiene a titolo di proprietà o altro diritto reale, e i componenti del suo nucleo familiare risiedono anagraficamente e dimorano abitualmente. Nel caso in cui, come per l’accesso all’esenzione IMU, la normativa richieda che l’immobile sia adibito ad abitazione principale non basta che il contribuente vi abbia semplicemente stabilito la residenza, ma è necessario che rappresenti il luogo della dimora abituale.

Il concetto di PRIMA CASA viene utilizzato generalmente nel momento in cui una persona fisica entra in possesso (mediante compravendita, donazione, etc.) del suo “primo” immobile destinato ad abitazione. In tal caso sono previsti vantaggi fiscali che si applicano, appunto, alla “prima dimora”. Pertanto, la prima casa è la prima abitazione di proprietà di una persona. Tutti gli immobili acquistati successivamente, come ad esempio la casa al mare, la casa in montagna o le altre residenze sono spesso definite impropriamente “seconde case”. In realtà sono immobili acquistati successivamente, sui quali non è possibile ottenere i benefici prima casa. Da sottolineare che il concetto di prima casa viene richiamato solo al momento dell’acquisto dell’immobile, in quanto consente all’acquirente di accedere a una serie di benefici e agevolazioni (le cosiddette agevolazioni prima casa).

0 Commenti

Richiedi online il tuo mutuo risparmiando tempo e denaro!

Consulta la banca dati delle quotazioni immobiliari nazionali.